La cavitazione prevede l'emissione di ultrasuoni a bassa frequenza che, sfruttando il fenomeno fisico della cavitazione ultrasonica, provoca la disgregazione graduale delle cellule adipose e di conseguenza una riduzione del volume del tessuto adiposo. Gli ultrasuoni a bassa frequenza sono in grado di penetrare in profondità nel tessuto e raggiungere così lo strato adiposo.

Gli effetti prodotti dalla cavitazione sono molteplici e tutti finalizzati al miglioramento estetico e funzionale della silhouette del paziente. Innanzitutto vi è fin da subito una evidente azione lipoclasica (disgregazione del tessuto adiposo) ed un progressivo modellamento del profilo corporeo oltre alla riduzione della consistenza del grasso stesso.

A tutto ciò si aggiungono una considerevole modificazione dell'aspetto a buccia d'arancia, con l'eliminazione dei classici fibro-noduli della cellulite, una migliore ossigenazione e rivascolarizzazione del sottocute con una conseguente riattivazione della circolazione periferica distrettuale e di drenaggio dei liquidi di ristagno.

E non ultimo un miglioramento del tono e dell'elasticità del tessuto cutaneo.